FOTOSETTORE – Off-grid – Parte III


 INSTALLAZIONE  INVERTER

 

Finalmente arriviamo all’installazione dei tanto sospirati ed attesi inverters.
Dopo molte ricerche di mercato, opinioni raccolte, consigli e basandomi anche (ma non solo) sulla quantità dei soldi a mia disposizione, ho deciso l’acquisto dei ben collaudati MPPSOLAR.

Il mio modello, nello specifico, è un PIP-MX 4048 che è della stessa serie HS. La differenza sostanziale è che gli HS hanno un caricatore PWM mentre gli MX hanno il caricatore MPPT (da 60A).

Li ho scelti anche perché hanno la possibilità di essere PARALLELLATI e quindi, nel mio caso, ne ho messi due in modo di poter avere a pieno sole una potenza effettiva di 10KW (la brochure parla di picchi con 16KW).

Un’altra motivazione è data dal firmware, che è facilmente aggiornabile e dagli innumerevoli video girati in tutto il mondo presenti su youtube (e decine di forum che ne parlano), il che è meglio di una garanzia scritta e firmata.

Per le caratteristiche vi rimando ai link che ho sopra inserito. Ad oggi  sono 20 gg che uno funziona (l’altro in parallelo l’ho installato da un giorno e ancora non posso dire come vada) e non mi ha mai fallito un colpo…

Naturalmente c’è il rovescio della medaglia. Anche questo inverter ha le sue pecche (piccole a dire il vero e perfettamente superabili), delle quali parlerò più tardi.

 DSCN2735

Ecco come apparivano al primo posizionamento

DSCN2744

Ed eccoli quasi al termine, già operativi.

DSCN2745

Qui una veduta con le batterie.

In attesa delle silicio prese in Spagna tramite l’aiuto di max, sto usando delle AGM da 260A, messe in serie per arrivare a 48V.

DSCN2733

Questi sono fusibile e portafusibile, che ho messo direttamente sul positivo della prima batteria (potete notarlo nella foto precedente).

4 commenti

  1. Complimenti come sempre per la tua abilità :)

  2. Complimenti davvero!
    Mi sono vagamente famigliari i tuoi inverter! :-) Credo di conoscere ormai abbastanza bene questo modello… Se ti servono consigli o pareri, felice di aiutarti!
    Ho notato che hai fatto i paralleli nel quadro di campo, in li ho fatti sul tetto, utilizzando connettori mc4 sdoppiatori + mc4 contenenti diodi da 20 amper l’uno. In questo modo sono sceso con solo 2 cavi (1 pos + 1 neg), però io ho solo 3kwp: forse nel tuo caso avresti avuto bisogno di cavi troppo grossi!
    Puoi vedere il mio impianto qui
    faidateoffgrid.org/forum/viewtopic.php?f=68&t=1979

    Funziona da 1 anno e credo di avere trovato un buon settaggio dell’inverter…

  3. grazie per i complimenti!!
    anche tu non scherzi… hai dovuto sudare sangue per ottenere il massimo !
    di certo ti contatterò per il setup migliorativo dell’inverter . grazie della tua disponibilità !!!
    per i cavi ho preferito avere il totale controllo delle stringhe giù vicino gli inverter, perché sotto il tetto avrei avuto dei problemi logistici. ho speso di più di cavo, certamente, ma in questo modo ho tutto a portata di mano.

  4. Infatti, hai tutto a portata di mano! Tornassi indietro lo farei pure io… quantomeno installerei un quadro nel sottotetto (la “centrale” si trova 18 metri sotto, al piano terra), giusto per poter accedere facilmente ai diodi… Spero solo non mi succeda mai niente sennò… è un casino immane!
    3 piccoli/grandi limiti del nostro modello di inverter:
    – la corrente di carica max è regolabile, ma coincide con la max corrente in erogabile dai pannelli! Di conseguenza, se imposto una corrente di carica a 25A (perchè il mio pacco batterie è 250AH e decido di caricare max in c10), pure la corrente in uscita dai pannelli sarà 25A max! Esempio: sole pieno, carico casa 2KW, mi servirebbero 34A dai pannelli. Se imposto max corrente di carica a 25A, succede che dai pannelli avrò max 25A, il resto lo preleva dalle batterie (9A). Se imposto corrente di carica max (60A), allora tutti i 34A saranno forniti dai pannelli (ho visto punte di 49A). Dovrebbe esserci la possibilità di differanziare le 2 cose.
    – Non visualizza la Potenza istantanea in KW! Nemmeno nel programma su PC. Sto installando un lettore a parte per la lettura della potenza in CC dai pannelli…a breve le foto.
    – Il surplus di potenza viene semplicemente tagliato/dissipato. Quando a mezzogiorno ho batterie cariche e il consumo domestico è per esempio 500W gli altri potenziali 2500W dove vanno? Tagliati.
    Potevano prevedere una seconda uscita “ausiliaria” 220Vac dove convogliare il surplus… ci avrei attaccato un bel boiler da 80litri! che consuma 1200Wmax, o una caldaia a pompa di calore…o ci caricavo un pacco batterie di emergenza…. insomma, qls ne avrei fatto!
    In effetti, nell’inverter è presente un contatto pulito 250VAC, ma è ON-OFF e si basa solo sulle soglie di tensione della batterie, non tiene conto del surplus… :-(

    Per il resto, è una bomba! :-)

Lascia una risposta