Ossidoriduzione

Moderatore: Ferrobattuto

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7185
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Ossidoriduzione

Messaggio da maxlinux2000 » 28 dic 2014, 0:23

intendi la resa in calore, o in piombo?... e si, mi riferisco a quello di legna.

Se ci vuole più carbonella, non fa niente, basta ceh poi il piombo venga fuori lo stesso. Certo che se invece di avere una resa in piombo dell' 80% me la trovo al 60%, allora non va bene affatto.
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 316
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Ossidoriduzione

Messaggio da giuseppe » 28 dic 2014, 9:01

Non te lo dire di preciso perchè con la carbonella ho provato solo un paio di volte poi sono passato al carbone e ho visto che rendeva di piu .Il problema è che si fa fatica a bruciarlo tutto sia uno che l'altro ecco perchè quando ho tempo devo modificare l'entrata dell'aria e magari anche mettere un ventilatore + potente sicuramente ridurrei i tempi

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6520
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Ossidoriduzione

Messaggio da Ferrobattuto » 28 dic 2014, 10:30

Credo che di carbonella ne vada di più, perché ha meno potere calorico e meno percentuale di carbonio (infatti pesa pochissimo rispetto al carbone), ma credo che la resa in piombo sia più o meno la stessa. Mi sa che ci serve più aria, però, per via della cenere che forma, perciò pezzi più grossi del carbone, e per lo stesso motivo non credo che si possa fare un "ciclo continuo", ma solo piccole cariche.
A suo tempo la prova la feci, ma dato che era una semplice prova la quantità di "materiale impiegato" era abbastanza limitata.

Comunque Max, puoi fare facilmente qualche prova e te ne rendi conto subito.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 316
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Ossidoriduzione

Messaggio da giuseppe » 28 dic 2014, 16:33

X Ferrobattuto penso hai ragione, io quando provai con la carbonella ne misi +o- come con il coke ma non feci caso al suo peso che è di molto diverso uno dall'altro

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 316
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Ossidoriduzione

Messaggio da giuseppe » 28 dic 2014, 16:38

Comunque sia la carbonella che il coke dovete comperarlo x cui non vedo perchè non usare subito il koke ,non penso la carbonella ve la regalino. ( qui 3 kg sono sui 2.7 euro) Chi sa dirmi cosa costa il coke al kg ?

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6520
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Ossidoriduzione

Messaggio da Ferrobattuto » 28 dic 2014, 16:44

Il koke non so più quanto costa, perché è molto tempo che non ne compro più, la carbonella anche quì costa come dici tu, però stando in campagna posso averla anche gratis..... Come residuo di un camino o di una stufa, i carboni che a volte restano incombusti in pratica sono carbonella.
Comunque essendo in campagna anche farsela da se non sarebbe molto difficile.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
Hal9000
Messaggi: 826
Iscritto il: 14 lug 2011, 12:52

Re: Ossidoriduzione

Messaggio da Hal9000 » 21 giu 2017, 8:06

Ciao Giuseppe, stai ancora recuperando piombo o sei passato alla costruzione delle batterie?
Se ho capito bene usi parte degli ossidi per la riduzione a piombo metallico con cui coli le griglie e l'altra parte degli ossidi da pressare sulle stesse per realizare delle faurè ma con grlglie più spesse?
Io per gli stampi uso dell'economico abete, ma usando un forno elettrico per ridurre i costi con termostato a termocoppia per tentativi ho trovato una regolazione della temperatura per cui riesco a riempire lo stampo senza che faccia bolle o si solidifichi ma consumando più lentamente il legno, di stampi ne ho fatti molti diversi per provare tutte le varianti di batteria ma con il modello che ho scelto come definitivo ne uso 6 a rotazione in modo che ora che riempo il sesto il primo si è solidificato e lo posos aprire anche se scotta e bisogna maneggiare la piastra con i guanti, così vado a ciclo continuo quando mi metto, fino ad ora con 6 stampi in abete ho prodotto circa 80 piastre ma iniziano a mostrare gravi segni di usura, anche a me si aprono fessure nel legno, ma tengo un nebulizzatore con acqua distillata sotto mano e appena vedo uscire piombo da una fessura lo spruzzo, si rafredda e tappa la falla, poi ogni tanto sostituisco alcune parti dello stampo e tiro avanti cercando di risparmiare il più possibile.
Avevo provato l'MDF e il truccilare ma con risultati deludenti, faceva molte fessure e a volte si staccavano pezzi, un disastro.....

@maxlinux2000:
Per quello che ho fatto fino ad ora quando fondi il piombo le impurità vengono tutte a galla, altri metalli, sassi, sali insomma qualsiasi cosa che non brucia o evapora vengono tutte a galla perchè il piombo è sempre più pesante a meno che non hai dentro qualcosa che pesi più del piombo (plutonio? uranio?).
Cose come foglie secche, polvere, frammenti di legno olii bruciano tutti o fumano fino ad esaurirsi, eventuali sali residui come solfati se ne stanno a galla.

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 316
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Ossidoriduzione

Messaggio da giuseppe » 8 lug 2017, 18:02

Ciao Hal9000 ....Ho visto adesso il tuo post xchè sono rimasto senza internet x 2 settimane . Per il momento con le batterie sto solo fantasticando a come fare , si hai capito bene solo che tutte quelle che ho fatto da 12v si sono verificati dei problemi di autoscarica al momento solo quelle da 2 volt vanno ancora bene .Io per gli stampi mi sono trovato benissimo con mdf a grana molto fine e perchè duri diverse volte va verniciato con vernice x alta temperatura e spolverato con talco di tanto in tanto . Il sistema che vorresti fare x "accumulo stagionale io lo faccio "giornaliero " x non stressare il banco principale quando le agm (4 x 12 v 100 ah)collegate ad un tracer mppt 20 A sono cariche e sta andando in float devio tutta l'energia dei pannelli (800 w composti da 4 amorfo 75 w + 4 mono 200 w (usati) ad una serie di batterie ko che vanno dai 2 v ai 10,5 ,in questa maniea le agm non vanno mai sotto i 25 v , l'altro banco principale sono tutte batterie auto dai 40 ah ai 180 (+ di 20 )solo che fanno venire il mal di pancia x quanto accumulano ,ma non mi sento disposto a sborsare altri $ x delle batterie per cui la strada dell'autocostruzione non è ferma ma solo sospesa

Rispondi

Torna a “Chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite