Nissan Leaf

Rispondi
Avatar utente
Hal9000
Messaggi: 826
Iscritto il: 14 lug 2011, 12:52

Nissan Leaf

Messaggio da Hal9000 » 9 set 2017, 17:58

Dopo aver sopperito al consumo elettrico, sotituito i fornelli a gas con quelli elettrici, l'acqua calda e il riscaldamento a pompe di calore adesso resta solo la macchina diesel, stà invecchiando, 13 anni e sogno di fargliene fare 20, ma prima o poi dovrò prenderne una nuova così mi sono imposto che la prossima sarà una elettrica.
All'inizio c'era solo la Nissan Leaf ora per fortuna molte marche hanno una o più elettriche nel loro catalogo, con le bellissime ma costose Tesla o la carina Zoe della renault, ma se ne trovano veramente tante oggi, però ammiro la nissan che ormai è da molti anni sul mercato con la sua Leaf, il primo modello con 20Kwh di batteria, poi con 30Kwh e adesso finalmente stà arrivando il nuovo modello da 40Kwh di batteria che tra le altre cose ha anche un nuovo look sinceramente molto migliore del modello precedente!
Speriamo sia abbordabile come prezzo il giorno che la mia diesel mi vorrà abbandonare, nel frattempo devo preparare l'impianto a sopperire una ricarica notturna di 40Kwh, beh forse meno mica farò tutta quella strada ogni giorno.....

https://www.youtube.com/watch?v=H9Megx8hBBo&feature=em-subs_digest

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2064
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Nissan Leaf

Messaggio da Dolomitico » 9 set 2017, 20:15

Già,croce o delizia,stanno già progettando di alzare il costo dl bollo sulle auto euro 3,con la scusa dll'inquinamento,seondo me invece vogliono accellerare l'estinzione dl diesel.
Il problema è proprio la ricarica notturna,sarebbe l'ideale poterla caricare quando il sole è presente,quindi a carico dei pannelli,e non delle batterie.
Cmq difficilmente ocorrerà una ricarica totale,semmai facendola nei fine settimana,al massimo un generatore a biodiesel per l'inverno.
Una cosa che non riesco a capire è che professano parecchio sull'auto elettrica,ma non parlano di come incrementare la produzione elettrica,ho letto adirittura di produrre l'energia con i fossili per ricaricare le batterie,sicuramente più efficente che bruciarle in un motore singolo,ma il problema è solo spostato...
Sicuramente se l'elettrico sarà il futuro si dovranno ridisegnare le reti elettriche e il sistema di distribuzione,è difficile pensare specialmente nei mesi invernali di essere autosufficenti....anche un generatore a gas potrebbe essere una alternativa economica.
sarà una nuova sfida...

Avatar utente
Hal9000
Messaggi: 826
Iscritto il: 14 lug 2011, 12:52

Re: Nissan Leaf

Messaggio da Hal9000 » 10 set 2017, 8:52

Non so neanche se ho postato nella sezione giusta, se mai spostatela...

Avatar utente
Hal9000
Messaggi: 826
Iscritto il: 14 lug 2011, 12:52

Re: Nissan Leaf

Messaggio da Hal9000 » 10 set 2017, 8:58

Si infatti la ricarica notturna, è uno dei motivi per cui lavoro così tanto sulle batterie stazionarie tra le altre cose anche per caricare una eventuale auto elettriche che prima o poi arriverà.
L'alnternativa sarebbe quella di avere 2 auto elettriche e alternarle, ma è improponibile come costo, oppure la possibilità di avere 2 batterie per l'auto da intercambiare proprio come si fà con gli utensili, una a casa a ricaricare di giorno e l'altra sull'auto, ma peseranno quintali e sono una grossa fetta del costo dell'auto, a quel punto forse costa meno un banco al piombo da 40Kwh che uno al litio.

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 1841
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: Nissan Leaf

Messaggio da eneo » 10 set 2017, 12:39

E' uscita la mini auto pugliese, progetto ambra, presentato alla fiera di Bari, ma in giro non si trova ancora niente come specifiche.
Impianto fotovoltaico monocristallino 2.195kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°6 solarworld 185wp, batteria 24v 240Ah SMA, regolatore di carica tristar ts45 pwm e epsolar landstar pwm 30A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2064
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Nissan Leaf

Messaggio da Dolomitico » 10 set 2017, 13:42

Non capisco questo concetto della ricarica da 40kw,questo si può fare nel fine settimana e non di notte....in realtà è molto più frazionato se si vuole...
Le litio si possono ricaricare anche brevemente,con ricariche temporanee
Immagino che ogni giorno massimo 2 si torni a casa,basta attaccare la spina e si avrà bisogno di 10/20 o 30kw al massimo,poi nel fine settimana si fa la ricarica completa.
Io quest'anno ho preso una e-bike,nulla di costoso,una atala da città,con motore da 250w.
potrei caricarla giornalmente,ma non mi conviene,la uso per andare al lavoro,5 km al giorno e mi dura tutta la settimana,e non solo sul dritto,qui salite ce ne sono.
Cmq arrivato al sabato aspetto che arrivi il sole e la attacco all'impianto.
Non cè la necessità di ricaricarle a fondo,se durante la settimana si è un pò scarsi bastano 10/15kw al giorno per tirare avanti,poi in giro appariranno anche delle colonnine,ne ho già viste in qualche supermercato,magari a gettone cosi mentre si fa la spesa si ricarica la macchina.
Se mi dirai che ricaaricare una batteria da bici non è confrontabile io ti dico che invece la proporzione cè,l'impianto con cui la carico è quello da 12v,160wp con 200ah di accumulo e la batteria della bici è da 36v 8.8ah,un 316w di batteria.
Anche se la caricheresti di notte,è il momento che in casa non si hanno utenze di rilievo accese,non si cucina,non ci sono docce,i carichi sono minimi.
Cmq un aumento della capacità di accumulo non va mai male,in ogni caso in futuro prevedo una crescita esponenziale delle batterie che avremo in casa,ogni utensile a batterie che oggi va a benzina sarà a batterie,da gestire bene e da curare.
Un'amico meccanico di bici mi ha già passato 2 batterie da ebike,hanno preso entrambe pioggia,o meglio secondo me dlle pozzanghere e si sono danneggiate,prima il bms,e poi in un caso anche 12 celle,3 serie.
E non parlo di cineserie,sono batterie della Bo**h,quindi roba di fascia alta,ebbene nel secondo caso ho riscontrato oltre a celle danneggiate anche celle non equalizzate,segno che i bms non sono potenti a sufficenz per riequilibrare le celle che non si ricaricano a fondo.
Quindi i problemi più ovvi che ci trovereremo a romperci la testa saranno come x le luci led che non durano 25 anni come promesso,ma bms sottodimensionati e celle danneggiate,interi pacchi buttati via per un gruppo di celle danneggiate,mentre le altre sono ancora perfette.
E sostituirle è un vero incubo,sono fissate dentro 2 conchiglie portapile,con tutte le lamelle di collegamento elettropuntate,con relativi cavi di bms...un lavoraccio...e stiamo parlando di biciclette,il resto....lo vedremo....

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6520
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Nissan Leaf

Messaggio da Ferrobattuto » 10 set 2017, 13:57

Se ho ben capito Dolomitico, tu fai 5Km per andare al lavoro, più ovviamente altri cinque al ritorno. Io ne facevo 30..... Più altri 30 al ritorno.
Il buono era che i primi 30 erano praticamente tutti in discesa, ma i 30 al ritorno tutti in salita. :P
Non conviene affrontarli con batterie mezze scariche. Poi andavo girando molto spesso di notte, altro carico di fari ecc ecc, specie in inverno.
Come me di sicuro ci sono molte altre persone nelle stesse condizioni, per questi conviene una ricarica completa ogni giorno. Certo che così si ciclano parecchio. e probabilmente la durata non sarebbe delle migliori.
Oggi come oggi penso che potrei ricaricare anche ogni tre o quattro giorni...... Il massimo che vado lontano (una tantum) possono essere 10 o 15Km, ma di solito ci giro in paese.
Con la mia vetusta Peugeot 206 (12 anni e 232.000Km) stò cercando di tirare avanti il più possibile, proprio nella speranza che le elettriche diventino più efficienti e commerciali possibile. A meno di necessità particolari la prossima vorrei proprio che fosse elettrica...... :rolleyes:
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
Hal9000
Messaggi: 826
Iscritto il: 14 lug 2011, 12:52

Re: Nissan Leaf

Messaggio da Hal9000 » 10 set 2017, 14:19

Ciao Dolomitico, non ti offendi se provo un pò di sana invidia per il tuo tragitto quotidiano? :D
Qui sono 60Km andata e 60Km di ritorno al giorno, per fortuna quasi tutti in piano....
Comunque hai ragione tu anche nel mio caso non sarebbe un pieno di corrente al giorno, alla fine sono 120Km che se ho capito bene dovrebbero essere un terzo delle nuove batterie da 40Kwh o forse la metà, devo aspettare che pubblichino dettagli maggiori sulla leaf 2018, ma mi pare che con i dati della prima versione di leaf avevo stimato dai 15 ai 20Kwh al giorno per il mio tragitto.

Comunque nell'attesa che i tempi siano maturi per una nuova macchina elettrica l'idea era di preparare l'impianto ad avere una produzione ed un accumulo extra di circa 40Kwh, poi se ne andrò ad usare meno meglio significa che l'accumulo stazionario aggiuntivo per l'auto sarà stressato meno e durerà più a lungo.

Sinceramente non ho ancora deciso come realizzarlo, le nife per ora funzionano bene e non devo maneggiare piombo ma le piombo fai-da-te costerebbero molto meno a parte il tempo e il lavoro necessari.... potrei anche usare batterie d'auto di recupero ma poi sarebbe un lavoro continuo a sostituirle con delle "nuove" (si fà per dire) da quelle dismesse scambiandole.

Mi piacerebbe tanto poter cambiare le batterie come volgio io all'auto elettrica ma ovviamente non sarà possibile, non lo prevedono e probabilmente non lo vogliono, senza dimenticare il discorso garanzia.....

Mi piace la nuova ondata di modelli elettrici che stanno uscendo ma ho nostalgia della peugeot 106 con batterie nife sotto il cofano!

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2064
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Nissan Leaf

Messaggio da Dolomitico » 10 set 2017, 14:46

Allora..in realtà non sono 5 km andata e 5 ritorno,sono...andata e ritorno 5km... :D
Ma per quanto mi durerà sta pacchia è un'altro discorso,ho in programma cambiamenti di abitazione e cmq saranno 23km andata e 23 ritorno.
Stavo valutando per uno scooter elettrico,ma intanto ho quello a benzina....potrò sfruttarlo un pò di più.
Dovreste provare a nolegiare una E-bike,non sono semplici bici a pedalata assistita,ci si sorprende di tutti quei punti in cui si può viaggiare classicamente...ma senza motore inserito sono centinaia di metri,e basta mezza pedalata per sentire la spinta del motore con una coppia generosa.
Fossi in pianura sarebbe una bazzeccola fare giretti di 50km,io adesso mi porto mia figlia appresso e la rimorchio con una corda elastica in salita (la sua non è elettrica),e poi si diverte come una matta lungo i lunghi tragitti al ritorno...prima non era concepibile farlo.
Il motore a scoppio consuma anche in discesa,mentre quello elettrico nelle auto in discesa e si pigia sul freno ricarica le batterie.
Noi abbiamo il concetto delle batterie scariche che ti pianta in asso.
Ma non è cosi,questa estate volevo capire quanto fosse la resistenza della batteria,ho fatto 24 km in totale,il giro del paese,sono 9 km,fra salitine e discese,sono arrivato a casa e avevo l'indicatore che su 4 tacche me ne dava ancora 1 di resuduo,sono partito per la valle qui vicina,sono 7 km per arrivare in fondo,tutta salita leggera,ma salita.ebbene sono arrivato in fondo e tornato a casa e non avevo ancora toccato il fondo della batteria.... :o:
Per quello che sono ottimista,fate caso viaggiando in auto a tutti quei tratti in cui si viaggia per inerzia ,con l'elettrico sarebbero punti di non consumo.
Io la ricarico quando ho finito la settimana,ma ho ancora 2/3 tacche su 5.
Ci sono 2 modi per vedere la carica,1 sulla batteria stessa,un pulsante che fa accendere una barra a 5 led,e uno sul manubrio,con scala da 4 led...quindi un'pò più rdotta.
Resta il fatto che la danno per 40km di percorrenza,che dipendono ovviamente da tanti fattori,peso,salite,sforzo.
Resta per me un'ottimo acquisto,lo scooter sembra antico,rumoroso e pesante.
Poter viaggiare in silenzio a 25km/h in mezzo alla natura non ha prezzo,e non si suda l'anima.
Immagino che le auto elettriche saranno meraviglie altrettanto emozionanti da guidare.
Sto caricando adesso delle 18650 della batteria demolita da ebike,hanno una capacità indicativa di quasi 3Ah a pila,sono a 3.5volt e per ricaricarle entrano ben 2000mah,sono 10W per ogni pila... :o: e pensate qualche anno fa che capacità basse avevano,massimo 1800,2000mah,adesso hanno 1/3 in più.
Collegate a gruppi di 4 hanno 40A di scarica,oppure 11/12Ah di capacità...stanno facendo grandi passi avanti sul fronte batterie,
sono pile come queste,non ho trovato datashell:
http://www.ebay.com/itm/4x-NEW-LG-MG1-L ... Sw8a1ZsBqa

Cmq io pensavo in un certo senso che già l'auto in sè è già un ulteriore banco di accumulo,oltre al banco primario di casa,da lì ogni utensile a batteria che arriva è un'espansione del banco primario,sarebbe utile pensare a di banchi minori da usare per stoccare energia per usi mirati...che so,giardino,garage,magari con altre chimiche.
Una batteria da 40volt 5ah della elettrosega è un bell'ageggio,potrebbe essere utile per la sega,per la bici,per il rasaerba,e con gli step down poterla adattare a qualsiasi tensione,quando è scarica si aspetta il sole e si ricarica il tutto espandendo la capacità di accumulo,in versione minore io questo già lo faccio.....è solo una questione di gestione...

Rispondi

Torna a “Autoveicoli”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite